Tinder informa gli inglesi sul Brexit

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Oltre a semplificare l’incontro con persone nuove, la App vuole aiutare anche i più giovani a informarsi

Tutti conoscono Tinder come una App per smartphone che permette di fare nuove conoscenze molto in fretta. Quello che pochi sanno è che la visione di questo progetto è decisamente più ampia e innovativa, confermando che anche il dating online ormai è un’aspetto sdoganato dello stile di vita moderno, in particolare per quelli che si definiscono millenials.

Tinder e il Brexit: successo impensabile

La prima cosa interessante è che l’applicazione, dopo alcuni esperimenti simili negli Stati Uniti, ha pubblicato all’interno della sua piattaforma uno speciale quiz che permetteva agli utenti di scoprire, attraverso il più classico meccanismo del “vero o falso”, i fatti salienti riguardanti il referendum soprannominato Brexit riguardante l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea. Questa iniziativa è stata realizzata in collaborazione con Bite The Ballot, una organizzazione no profit inglese che ha come missione quella di insegnare la partecipazione politica ai giovani. Quello che può sembrare incredibile è il successo dell’iniziativa.

Swipe the vote: informarsi fra i flirt

Curioso, ma i numeri parlano chiaro: un iscritto su cinque, secondo un comunicato divulgato da Engadget UK, ha usato la funzione “scorri a destra” per visualizzare il quiz e informarsi. Nel mondo di Internet e delle App una percentuale di adesione del venti per cento è un successo clamoroso. Il linguaggio di Tinder ormai è entrato nell’uso comune, al punto che spesso in gergo si utilizza il termine swipe right, appunto scorri a destra, per indicare approvazione o interesse nei confronti di qualcosa. Nella App infatti si scorre a destra una fotografia per manifestare interesse nel profilo, e a sinistra per indicare che non interessa.

Il successo di questa iniziativa è interessante almeno per due aspetti: prima di tutto perché mostra come, in particolare nei paesi più progressisti, l’uso delle App di dating sia completamente fuori da ogni tabù. Poi perché dimostra, ancora una volta, che conciliare informazione e intrattenimento porta a risultati insperati.

Fonte foto copertina: Tinder Blog

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 22-06-2016

Redazione Milano