Il primo film di Guerre Stellari in una immagine

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

L’illustratore Martin Panchaud ha trasformato il primo episodio della saga di Guerre Stellari in una immagine di dimensioni colossali, che si può scorrere per rivivere il film.

Trasformare un intero film di Guerre Stellari in una immagine, sullo stile delle infografiche è un’impresa apparentemente impossibile. Eppure l’illustratore e artista digitale lo ha fatto, realizzando un’immagine di dimensioni impressionanti, che riprende tutta la cronologia del film, scena per scena e dialogo per dialogo, con una precisione maniacale. Collegandoci al sito SWANH possiamo scorrere tutta l’immagine e verificare come ogni singolo momento del film sia riprodotto in modo divertente e fedele.

L’immagine finale è un vero colosso che, secondo le parole dell’artista, ha messo a dura prova il suo computer: 27 centimetri di larghezza per 123,07 metri, che per fortuna possiamo scorrere comodamente consultando il sito. In Pixel fa ancora più impressione: 1024 x 465152. E se l’immagine sa sola fa impressione, la sezione making of del sito è ancora più notevole, dal momento che ci permette di avere qualche idea sul lavoro fatto dall’artista: 22 file di Adobe Illustrator, per un totale di 157 immagini e oggetti.

Guerre stellari in una immagine - making of
Guerre stellari in una immagine – making of

Trasformare Guerre Stellari in una immagine: un lavoro duro.

Scorrendo questa colossale infografica, che in pratica equivale a rivedere il film, quello che fa impressione è l’attenzione per i dettagli: dalla disposizione delle persone sulla mappa, ai dialoghi, ai danni sulle astronavi più famose come il Millenium Falcon, che cambiano nel corso della storia. Insomma, un lavoro da professionisti, che ha fruttato a Panchaud una certa fama, in particolare fra gli appassionati di grafica e, ovviamente, di Star Wars. Ma del resto, l’artista è in buona compagnia: in quasi quarant’anni di storia, e soprattutto dopo l’avvento di Internet, Star Wars episodio IV: una nuova speranza, ha visto gli adattamenti più disparati: da quello realizzato interamente in ASCII Art, iniziato nel 1997 e ancora in corso, all’immancabile (e quasi decennale) remake realizzato con i LEGO.

Fonte foto copertina: Swanh.net

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 25-05-2016

Redazione Milano